Quantcast

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI    

Edizione provinciale di Torino


Serie A: ultima di campionato agrodolce per le squadre torinesi

Il Torino si inchina di misura all'Inter, la Juventus vince di misura ad Udine

Il Torino fa quasi da sparring partner all'Inter ormai proiettata alla finale di Champions League, tiene testa ai rivali ma paga una distrazione difensiva e la scarsa incisività in fase realizzativa (complici le parate dei portieri avversari), chiudendo la stagione con una sconfitta che gli impedisce di agganciare l'ottavo posto, ultimo utile ad entrare nel giro delle coppe europee in caso di, molto probabili, prossime sanzioni UEFA a spese della Juventus. Dal canto loro i bianconeri espugnano Udine con più difficoltà del previsto, ma devono accontentarsi di giocare la Conference League a causa delle contemporanee affermazioni di Atalanta e Roma, sempre che gli strali di Ceferin non li releghino entro i confini domestici almeno per una stagione.

Si è chiuso con un retrogusto agrodolce il campionato, dall'esito per molti aspetti paradossale, delle due rappresentanti del calcio sotto la Mole, purtroppo sempre più distante dalle nuove potenze partenopee, milanesi e capitoline.

Il Toro aveva l'obiettivo di terminare in bellezza un'ultima parte di stagione che l'ha visto protagonista di un convincente crescendo, cercando di regalare ai propri l'ultima gioia casalinga contro una grande. Di fronte ai nerazzurri Juric si affidava al consueto 3-4-2-1 sostenuto da un buon pressing e sicuro giro palla, mentre la squadra di Inzaghi attendeva sorniona concedendo pochi spazi in attesa di ribaltare il fronte di rimessa.

La manovra granata faticava però ad innescare i trequartisti Miranchuk e Vlasic assieme alla punta Sanabria e gli unici pericoli per Handanovic arrivavano dallo spunto di Ricci (ancora positiva la sua pestazione a centrocampo al pari di Ilic) e dal colpo di testa di Singo su azione d'angolo.

Con il passare dei minuti il movimento di Lukaku, contenuto con difficoltà da Buongiorno, cominciava a creare spazi per gli inserimenti dei centrocampisti e nella fase difensiva granata iniziava ad aprirsi qualche falla, che diventava fatale in occasione della rete decisiva di Brozovic. Tardiva la copertura sull'attaccante belga e poco reattiva la chiusura sul croato, il cui mancino dalla distanza sorprendeva un non impeccabile Milinkovic-Savic.

Nella ripresa la gara si incanalava sui binari preferiti dai nerazzurri, che contenevano senza eccessivi patemi la crescente pressione torinista e pungevano con pericolosità in contropiede, sfiorando il raddoppio con Dzeko (per lui anche un palo nel finale) e Gagliardini.

Juric lasciava nulla di intentato per riequilibrare l'incontro e con l'inserimento di Karamoh passava ad un più offensivo 4-2-3-1. Lo slancio e la generosità dei granata si infrangevano però sulle mani di Handanovic prima e del suo sostituto Cordaz poi, che negavano il pareggio a Karamoh e Sanabria, mentre in in pieno recupero, al culmine di una tambureggiante pressione, il centravanti paraguaiano falliva clamorosamente da due passi la deviazione vincente sull'assist di Schuurs, evidenziando ancora una volta uno dei difetti atavici granata, ovvero la scarsa concretezza in zona gol.

Il Torino chiudeva così a quota 53 punti un campionato in cui ha migliorato piazzamento e punteggio rispetto all'annata precedente mostrando identità precisa e personalità convincente, senza però riuscire a compiere l'atteso salto di qualità e ad entrare in zona coppe a causa della sua cronica discontinuità e della mancanza di cinismo che hanno caratterizzato troppe partite. Ora la palla ripassa al presidente Cairo e al suo staff, chiamati prima a sbrogliare la matassa dei prestiti, poi a costruire un Toro dalle basi solide, magari partendo dai suoi talenti più giovani, che possa ambire a qualcosa in più di un semplice onorevole campionato di medio-alta classifica.

A Udine è andato in scena l'ultimo atto della commedia dell'assurdo in cui si è trasformata la stagione della Juventus. Contro i friulani, ridotti ai minimi termini da infortuni e squalifiche e dalla linea giocoforza sempre più "verde", la squadra di Allegri aveva l'imperativo di vincere sperando in concomitanti risultati a lei favorevoli di Atalanta e Roma per agganciare in extremis l'Europa League.

Le scelte del tecnico livornese ricadevano su Gatti, Bonucci e Danilo in difesa; Cuadrado e Kostic sugli esterni; Rabiot, Locatelli e Miretti nel settore nevralgico; Chiesa "sottopunta" (poco convincente il suo impiego in quel ruolo) a sostenere Milik. Buoni ritmi iniziali e tema tattico scontato con la Juventus a fare la partita costringendo sulla difensiva l'Udinese, che non disdegnava di pungere in ripartenza. La manovra di Madama mancava però come al solito di intensità e fluidità e faticava a trovare sbocchi. Le occasioni più pericolose arrivavano così sugli sviluppi delle palle inattive, come la punizione di Cuadrado deviata in angolo da Silvestri e la traversa (l'ennesimo legno di una stagione sfortunata anche sotto questo profilo) centrata dal colpo di testa di Bonucci su sponda sempre aerea di Milik.

L'assalto della Juve proseguiva nella ripresa, in cui Iling-Junior rilevava lo spento e nervoso Kostic e Chiesa era più libero di svariare verso l'esterno. Come spesso accaduto in quest'infausta annata, i bianconeri difettavano di mira e determinazione al momento di concretizzare le occasioni create (clamoroso in tal senso l'errore di Rabiot), ma la tenacia di Chiesa veniva premiata a metà frazione quando riusciva a coronare con il gol decisivo una delle sue tipiche giocate.

Passata in vantaggio, la Vecchia Signora mostrava un altro dei difetti che ne hanno caratterizzato l'annata: ovvero staccava mentalmente la spina lasciando campo all'orgogliosa reazione degli avversari. Szczesny, sempre attento nonostante la lunga inoperosità, la salvava sui tiri dalla distanza di Lovric e Perez, mentre gli errori di misura in contropiede degli uomini di Allegri rendevano incerto un finale in cui la Juve conteneva l'assalto della squadra di Sottil intascando al triplice fischio un successo dal sapore amaro.

In fase di commento non si può che definire paradossale la stagione da montagne russe dei bianconeri, che se da un lato, al netto della penalizzazione, delle carenze nel gioco e nella continuità di rendimento, degli infortuni e della "latitanza" per svariati motivi degli elementi cardine, avrebbero chiuso al terzo posto in classifica qualificandosi per la massima rassegna continentale e migliorando, al pari dei "cugini" granata, piazzamento e punteggio rispetto al campionato precedente, dall'altro si devono accontentare della "serie C" delle coppe avendo sciupato per mancanza proprie nel finale di stagione la possibilità di rientrare in Europa, se non addirittura in Champions League.

Sul bilancio negativo juventino pesano anche la sciagurata prestazione in Champions League con eliminazione nella fase a gironi, una Coppa Italia in cui è stato ceduto con troppa arrendevolezza il passo in semifinale all'Inter ed un'Europa League nella quale il doppio confronto con il Siviglia avrebbe meritato un'interpretazione di maggior carattere e determinazione.

Il futuro per la società della Continassa è nebuloso. Al di là delle possibili sanzioni UEFA che potrebbero escluderla per almeno una stagione dal palcoscenico europeo con ulteriore danno economico, bisognerà decidere al più presto da chi (dirigenti, staff tecnico e giocatori) e come ripartire per rinverdire un blasone negli ultimi anni sempre più sbiadito.

 

Fotografia: il difensore granata Buongiorno contrasta Lukaku nella foto tratta dal sito ufficiale del Torino F.C.

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Luca Ceste il 05/06/2023
 

Altri articoli dalla provincia...




Serie A: pari del Toro contro la Fiorentina, crollo Juve ad Empoli

Un Torino di piccolo cabotaggio intasca un punto contro la Fiorentina e si avvia verso un tranquillo finale di campionato privo però di stimoli e obiettivi particolari. La Juventus incappa in una settimana che definire nera sarebbe un eufemismo e crolla ad Empoli sotto il peso degli eventi. Le rappresentanti del calcio sotto la Mole zoppicano nel confronto incrociato con le tosc...leggi
23/05/2023

Serie A: Toro da record in trasferta, la Juve regola la Cremonese

                    Il Torino conferma la sua recente vocazione di squadra da trasferta cogliendo a Verona la sua quarta vittoria nelle ultime cinque esibizioni lontano dalle mura amiche al termine di una gara dominata ed in cui ha raccolto addirittura meno di quanto...leggi
15/05/2023


Vittorie per Juve e Toro nel turno infrasettimanale di serie A

                    La Juventus prima sprinta, poi ondeggia e soffre più del dovuto, ma alla fine piega il mai domo Lecce e centra l'obiettivo di tornare alla vittoria. Il Torino passeggia sui resti della Sampdoria, svolge al meglio il proprio compito senza da...leggi
05/05/2023

Serie A: pari della Juve a Bologna, il Toro ko di misura

Un Torino gagliardo tiene testa all'Atalanta ma paga cari gli episodi e vede sfuggire via la Dea nel finale rimanendo a bocca asciutta. La Juventus, sempre più indecifrabile, dà qualche segnale di risveglio ma sconta tutti i suoi limiti attuali e torna da Bologna con una pareggio che ha le sembianze dell'occasione sprecata, chiudendo alla meno peggio una settimana nera. P...leggi
01/05/2023


Ancora delusioni per le squadre torinesi in serie A

Un Toro dai due volti sbaglia l'approccio alla partita, è costretto ad inseguire, poi cambia passo, agguanta la Salernitana e sfiora il successo, ma deve ancora una volta rimandare l'appuntamento con la vittoria. Una Juve abulica e priva di nerbo, apparsa svuotata mentalmente e fisicamente dopo le fatiche e le emozioni di Europa League, mette in scena una recita censurabile in c...leggi
17/04/2023

Serie A: torinesi ko nel doppio confronto contro le romane

Le romane fanno la voce grossa, ribadiscono il loro ritrovato ruolo capitale e per le paladine del calcio sotto la Mole il sabato di campionato prepasquale diventa di passione. Toro e Juve escono a bocca asciutta dal confronto incrociato con Roma e Lazio e devono frenare la rincorsa ai rispettivi obiettivi stagionali. ...leggi
11/04/2023

Serie A: la Juve regola il Verona, pari del Toro in casa del Sassuolo

  La Juventus regola a fatica il Verona e compie un altro deciso passo nella sua risalita in classifica, vedendo apparire all'orizzonte addirittura la zona Champions League. Il Torino si rimette in marcia e torna dalla trasferta in casa del Sassuolo con un punto raccogliendo forse meno di quanto seminato. Va in archivio all'insegna del moderato ottimismo la 28ª giornata di cam...leggi
04/04/2023

Serie A: alla Juve il derby d'Italia, Toro travolto dal ciclone Napoli

Il ciclone Napoli travolge un Toro che, oltre alla generosità, poco altro ha potuto mettere in campo per cercare di contrastare la spettacolare corazzata partenopea. La Juve, finalmente concreta e convincente, si aggiudica con merito un derby d'Italia al solito carico di veleni e prosegue nella sua risalita preparandosi ad un finale di stagione da cuori forti. Anche l'ultimo tur...leggi
21/03/2023

Serie A: la Juve regola la Samp, il Toro sbanca Lecce

Un Toro concreto, cinico e dalla forte personalità impiega tre minuti per mettere in ghiaccio la vittoria di Lecce, poi controlla con lucidità una gara divenuta sempre più spigolosa e torna dal Salento con tre punti preziosi e una ritrovata continuità di prestazione. Una Juve schizofrenica fa, disfa e va sulle montagne russe contro il fanalino di coda Sampdoria, gene...leggi
13/03/2023

Serie A: il Toro torna alla vittoria con il Bologna, Juve ko a Roma

La Juventus cade nella trappola tattica tesa da Mourinho, sbatte contro tre pali e torna a casa dalla trasferta romana a mani vuote, con la spiacevole sensazione di aver sprecato un'occasione. Il Torino si mette alle spalle la delusione del derby, fornisce una prova all'insegna della solidità e della concretezza, regola di misura un Bologna molto temuto alla vigilia e ritrova la vittoria...leggi
07/03/2023

Derby della Mole: la Juve regola il Toro nella ripresa

Un derby fiammeggiante, uno dei più intensi, combattuti ed emozionanti degli ultimi anni, va in rimonta alla Juve mai doma, capace di rimontare per due volte lo svantaggio e di fare emergere alla distanza le sue qualità superiori. Il Torino per tre quarti di gara tiene testa ai rivali, gioca alla pari facendo per lunghi tratti la partita, ma cala fatalmente nel finale qua...leggi
01/03/2023

Serie A: la Juve scavalca in classifica il Toro in attesa del derby

  Prestazioni speculari (solo un tempo all'altezza) e diametralmente opposte nell'esito finale per le due rappresentanti del calcio sotto la Mole in un ventitreesimo turno di campionato dal sapore agrodolce. La Juventus, pur faticando oltre misura, passa a La Spezia compiendo un altro passo della sua irta scalata verso le posizioni che contano, mentre il Torino prima si illude, poi...leggi
21/02/2023


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,03155 secondi