Quantcast

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI    

Edizione provinciale di Torino


Serie A: pari del Toro contro la Fiorentina, crollo Juve ad Empoli

Un Torino di piccolo cabotaggio intasca un punto contro la Fiorentina e si avvia verso un tranquillo finale di campionato privo però di stimoli e obiettivi particolari. La Juventus incappa in una settimana che definire nera sarebbe un eufemismo e crolla ad Empoli sotto il peso degli eventi. Le rappresentanti del calcio sotto la Mole zoppicano nel confronto incrociato con le toscane che ha caratterizzato la 36ª giornata di serie A.

Pari e patta fra Torino e Fiorentina, che dividono la posta in palio in una classica partita di fine stagione dominata a lungo dall'equilibrio con due sussulti nella prima metà della ripresa.

Nella circostanza Juric imperniava la linea difensiva su Djidji, chiamato a contenere le iniziative di Sottil, Schuurs, che prendeva in consegna Kouamé, e Buongiorno, il quale si sdoppiava fra supporto al compagno di reparto e proiezioni offensive, divenendo poi decisivo nell'azione del pareggio. Sugli esterni operavano Singo e Rodriguez, mentre nel settore nevralgico del campo Ricci si annullava con Barak ed era così Ilic ad avere maggiore spazio per l'impostazione. I ripiegamenti di Sanabria ad ostacolare alla fonte la creazione del gioco viola erano supportati da Vlasic, che forniva anche la consueta dose di dinamismo e fantasia, con Karamoh dedito a cercare soluzioni in profondità.

La squadra di Italiano, dopo le felici fatiche di coppa, optava per un atteggiamento tattico prudente ed accorto, lasciando l'iniziativa ai granata, i quali si affidavano inizialmente al giro palla ed all'impostazione dal basso con successive verticalizzazioni, senza però avere il ritmo e l'intensità per sorprendere gli avversari. Con il passare dei minuti il tecnico croato chiamava i suoi ad alzare baricentro e pressing e le azioni toriniste diventavano più ficcanti, portando alla conclusione Vlasic, Rodriguez e Karamoh. A mancare erano però sempre, come spesso accaduto in questa stagione, la lucidità nell'ultimo passaggio e la determinazione al momento del tiro, con il Toro che raccoglieva meno di quanto seminato e il risultato saldamente ancorato al nulla di fatto.

La mossa tattica attuata da Italiano nell'intervallo, con l'esclusione di Sottil, l'inserimento di Jovic come punta centrale, lo spostamento a destra di Kouamé e l'inversione di fascia di Saponara, sorprendeva in avvio di ripresa il Toro, tornato in campo con atteggiamento mentale troppo "morbido", che capitolava al primo affondo dei toscani, i quali sfruttavano proprio un cross dalla fascia di Kouamé per la testa di Jovic, "dimenticato" da Schuurs.

Incassato il gol la squadra di Juric accusava una decina di minuti di sbandamento, riuscendo però a rituzzare le conclusioni di Barak e Saponara. Passato lo spavento ed inserita nuova linfa con gli innesti di Ola Aina, Lazaro e Miranchuk, i granata riprendevano il controllo delle operazioni e riequilibravano la situazione grazie allo spunto di Buongiorno che esaltava l'istinto del bomber di Sanabria, il quale bruciava sul tempo Igor e girava in rete.

Nell'ultimo quarto di gara le energie calavano su ambo i fronti e le squadre si mostravano paghe di un pareggio che rappresentava un altro passo avanti in una stagione già ampiamente positiva. Sabato i granata saranno impegnati sul terreno dello Spezia, nell'inconsueto suolo di arbitro delle residue speranze di salvezza dei liguri.

Dato l'addio ai sogni di gloria europei a Siviglia, dove per l'ennesima volta nelle ultime stagioni ha pagato dazio ai dettagli in campo internazionale venendo ribaltata dai più concreti e "scafati" andalusi, la Juventus viveva un lunedì surreale trasformatosi in un umiliante tracollo sportivo.

Dapprima la pantomima della nuova, pilatesca penalizzazione inflitta con sadismo dalla Corte Federale d'Appello un quarto d'ora prima di scendere in campo ad Empoli, pesante nell'entità (10 punti) ma non tale da tagliare fuori del tutto i bianconeri dalla zona coppe, salvo tenere in canna il colpo di una nuova penalizzazione da sparare per completare l'opera con il nuovo processo per la manovra stipendi e le plusvalenza bis nel caso i bianconeri si qualifichino in extremis per le competizioni UEFA del prossimo anno. Poi la sconcertante prestazione sul terreno toscano, dove la Vecchia Signora questa volta gettava alle ortiche di suo la possibilità di rientrare con una vittoria addirittura in corsa per la Champions League.

L'approccio alla gara della squadra di Allegri (spinta probabilmente da una reazione nervosa) era positivo, ma lo slancio juventino si infrangeva sulla traversa centrata dal colpo di testa di Milik e sulle occasioni fallite da Vlahovic e Kostic. Alla prima difficoltà i giocatori di Madama crollavano mentalmente e uscivano dalla partita, agevolando con le loro superficiali ingenuità il compito dell'incredulo Empoli, che scartava il cioccolatino gentilmente offerto e lo gustava in due bocconi. L'entrata fuori tempo di Milik su Cambiaghi che causava il rigore del vantaggio azzurro di Caputo e l'immobilismo della fase difensiva sull'azione d'angolo concretizzata da Luperto dopo il miracolo di Szczesny tre minuti dopo, erano i segnali di una resa precoce quanto definitiva da parte di una squadra con la vecchia guardia ormai sulle ginocchia e svuotata, e con le nuove leve tecnicamente valide ma ancora prive del carattere del giocatore da grande squadra, che si esalta soprattutto nelle difficoltà.

Dal 20' del primo tempo andava in scena la lunga agonia della Juventus, incapace di organizzare una reazione degna di tale nome, con tutti i componenti della squadra fuori giri. In apertura di ripresa la situazione degenerava ulteriormente. Vlahovic calciava con indolenza alle stelle un pallone che chiedeva solo di essere spedito in porta, quindi era emblematico il pressing feroce con cui Akpa-Akpro "dragava" la sfera dai piedi di un Alex Sandro ormai oltre il viale del tramonto per innescare il delicato e beffardo tocco della doppietta personale di Caputo.

La squadra di Zanetti continuava a menare le danze con Szczesny protagonista nel limitare il passivo, mentre la Juve si affidava ai soli spunti individuali che premiavano con il gol della bandiera la determinazione di un almeno volitivo Chiesa. La serata da tregenda dei bianconeri aveva il suo degno epilogo in pieno recupero, quando l'ennesimo svarione (rinvio errato di Kean) e la difesa presa di nuovo d'infilata, permettevano a Piccoli di calare l'umiliante quaterna.

La Juve avrà ora quasi una settimana per leccarsi le ferite e cercare di riordinare le idee in vista del posticipo casalingo di domenica sera contro il Milan, forse l'ultima occasione per rialzare la testa e dare un senso ad una stagione surreale.

Nella fotografia tratta dal sito ufficiale del Torino FC: Sanabria in azione contro la Fiorentina.

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Luca Ceste il 23/05/2023
 

Altri articoli dalla provincia...




Serie A: Toro da record in trasferta, la Juve regola la Cremonese

                    Il Torino conferma la sua recente vocazione di squadra da trasferta cogliendo a Verona la sua quarta vittoria nelle ultime cinque esibizioni lontano dalle mura amiche al termine di una gara dominata ed in cui ha raccolto addirittura meno di quanto...leggi
15/05/2023


Vittorie per Juve e Toro nel turno infrasettimanale di serie A

                    La Juventus prima sprinta, poi ondeggia e soffre più del dovuto, ma alla fine piega il mai domo Lecce e centra l'obiettivo di tornare alla vittoria. Il Torino passeggia sui resti della Sampdoria, svolge al meglio il proprio compito senza da...leggi
05/05/2023

Serie A: pari della Juve a Bologna, il Toro ko di misura

Un Torino gagliardo tiene testa all'Atalanta ma paga cari gli episodi e vede sfuggire via la Dea nel finale rimanendo a bocca asciutta. La Juventus, sempre più indecifrabile, dà qualche segnale di risveglio ma sconta tutti i suoi limiti attuali e torna da Bologna con una pareggio che ha le sembianze dell'occasione sprecata, chiudendo alla meno peggio una settimana nera. P...leggi
01/05/2023


Ancora delusioni per le squadre torinesi in serie A

Un Toro dai due volti sbaglia l'approccio alla partita, è costretto ad inseguire, poi cambia passo, agguanta la Salernitana e sfiora il successo, ma deve ancora una volta rimandare l'appuntamento con la vittoria. Una Juve abulica e priva di nerbo, apparsa svuotata mentalmente e fisicamente dopo le fatiche e le emozioni di Europa League, mette in scena una recita censurabile in c...leggi
17/04/2023

Serie A: torinesi ko nel doppio confronto contro le romane

Le romane fanno la voce grossa, ribadiscono il loro ritrovato ruolo capitale e per le paladine del calcio sotto la Mole il sabato di campionato prepasquale diventa di passione. Toro e Juve escono a bocca asciutta dal confronto incrociato con Roma e Lazio e devono frenare la rincorsa ai rispettivi obiettivi stagionali. ...leggi
11/04/2023

Serie A: la Juve regola il Verona, pari del Toro in casa del Sassuolo

  La Juventus regola a fatica il Verona e compie un altro deciso passo nella sua risalita in classifica, vedendo apparire all'orizzonte addirittura la zona Champions League. Il Torino si rimette in marcia e torna dalla trasferta in casa del Sassuolo con un punto raccogliendo forse meno di quanto seminato. Va in archivio all'insegna del moderato ottimismo la 28ª giornata di cam...leggi
04/04/2023

Serie A: alla Juve il derby d'Italia, Toro travolto dal ciclone Napoli

Il ciclone Napoli travolge un Toro che, oltre alla generosità, poco altro ha potuto mettere in campo per cercare di contrastare la spettacolare corazzata partenopea. La Juve, finalmente concreta e convincente, si aggiudica con merito un derby d'Italia al solito carico di veleni e prosegue nella sua risalita preparandosi ad un finale di stagione da cuori forti. Anche l'ultimo tur...leggi
21/03/2023

Serie A: la Juve regola la Samp, il Toro sbanca Lecce

Un Toro concreto, cinico e dalla forte personalità impiega tre minuti per mettere in ghiaccio la vittoria di Lecce, poi controlla con lucidità una gara divenuta sempre più spigolosa e torna dal Salento con tre punti preziosi e una ritrovata continuità di prestazione. Una Juve schizofrenica fa, disfa e va sulle montagne russe contro il fanalino di coda Sampdoria, gene...leggi
13/03/2023

Serie A: il Toro torna alla vittoria con il Bologna, Juve ko a Roma

La Juventus cade nella trappola tattica tesa da Mourinho, sbatte contro tre pali e torna a casa dalla trasferta romana a mani vuote, con la spiacevole sensazione di aver sprecato un'occasione. Il Torino si mette alle spalle la delusione del derby, fornisce una prova all'insegna della solidità e della concretezza, regola di misura un Bologna molto temuto alla vigilia e ritrova la vittoria...leggi
07/03/2023

Derby della Mole: la Juve regola il Toro nella ripresa

Un derby fiammeggiante, uno dei più intensi, combattuti ed emozionanti degli ultimi anni, va in rimonta alla Juve mai doma, capace di rimontare per due volte lo svantaggio e di fare emergere alla distanza le sue qualità superiori. Il Torino per tre quarti di gara tiene testa ai rivali, gioca alla pari facendo per lunghi tratti la partita, ma cala fatalmente nel finale qua...leggi
01/03/2023

Serie A: la Juve scavalca in classifica il Toro in attesa del derby

  Prestazioni speculari (solo un tempo all'altezza) e diametralmente opposte nell'esito finale per le due rappresentanti del calcio sotto la Mole in un ventitreesimo turno di campionato dal sapore agrodolce. La Juventus, pur faticando oltre misura, passa a La Spezia compiendo un altro passo della sua irta scalata verso le posizioni che contano, mentre il Torino prima si illude, poi...leggi
21/02/2023

Serie A: turno di campionato in altalena per Juventus e Torino

  Tornano ad andare in altalena le due rappresentanti del calcio sotto la Mole. Il Torino tiene testa per un tempo al Milan, ma quando comincia a frullargli in testa l'idea di poter gelare la Scala del calcio con un altro acuto dopo quello fatto sentire in Coppa Italia, il sontuoso...leggi
14/02/2023


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,03196 secondi