Quantcast

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI    

Edizione provinciale di Torino


Turno di campionato horribilis per Torino e Juventus

Entrambe sconfitte per 1-0 le squadre torinesi di serie A

Un Toro dalle pile scariche viene incartato e beffato all'ultimo respiro dal pratico Sassuolo, mentre la Juve in caduta libera colleziona una figuraccia storica a Monza portando in dono alla matricola brianzola l'omaggio di benvenuto della prima vittoria in serie A. Notte fonda per le due rappresentanti del calcio sotto la Mole dopo la settima giornata di campionato e pausa per le nazionali che giunge quanto mai opportuna.

 

Contro gli emiliani i granata sono apparsi privi del mordente, del ritmo e della condizione fisica che finora li avevano sostenuti, per la prima volta in regresso rispetto al loro brillante inizio di campionato. Poco convincenti anche le scelte tattiche e di formazione di mister Juric, tornato nell'occasione in panchina. Se davanti al sempre attento Milinkovic-Savic la linea difensiva composta da Djidji, Schuurs e Rodriguez correva pochi pericoli di fronte alle puntate tidente offensivo ospite, nel settore nevralgico Lukic e Linetty faticavano a trovare tempi e giocate per sorprendere l'accorto schieramento neroverde, mentre Singo e Lazaro agivano sulle corsie esterne con minore efficacia del solito. La rinuncia a un centravanti di ruolo, con Vlasic in posizione di "falso nove" e Radonjic e Seck larghi sul fronte avanzato davanti a lui, invece di stanare e creare varchi nella difesa della squadra di Dionisi finiva per accentuare le difficoltà propositive dei granata. I ritmi non elevati e i troppi errori di misura facevano il resto e il gioco torinista si arenava ai sedici metri avversari, con pochi spunti in profondità.

 

Gara tattica e squadre bloccate per tutta la prima frazione, con un paio di emozioni condensate nel finale, quando Lazaro si vedeva annullare la rete del vantaggio a causa di un fuorigioco iniziale di Vlasic e Frattesi testava i riflessi di Milinkovic-Savic. Ripresa sulla falsariga dei quarantacinque minuti iniziali. Al volitivo fraseggio dei granata facevano da contraltare il pressing e la difesa alta del Sassuolo. Attorno al quarto d'ora Juric cambiava registro aumentando il peso offensivo con gli inserimenti di Sanabria e Pellegri e cercava nuovo brio in fascia con Aina. Qualche pallone in più arrivava dalla parti di Consigli, ma l'incisività granata era sempre scarsa.

 

Nel finale i neroverdi avanzavano il loro baricentro, quanto meno per evitare di correre rischi, e il Toro tornava a commettere l'errore, tipico delle scorse stagioni, di abbassare l'attenzione negli ultimi minuti, quando la partita sembrava ormai destinata ad uno scialbo risultato ad occhiali. Il campanello d'allarme della prima conclusione di Alvarez non veniva ascoltato e a trenta secondi dalla fine del recupero lo stesso attaccante uruguaiano sfuggiva a Buongiorno su cross di Rogerio ("molle" nella circostanza la chiusura dei difensori granata) e infilavava di testa Milinkovic-Savic condannando i granata ad una sconfitta dall'amaro sapore della beffa. Dopo la sosta azzurra per la Nations League, il Torino sarà chiamato a fare visita alla capolista Napoli.

 

Crisi nera per la Juventus, scivolata dentro un lungo tunnel buio di cui al momento non si vede la luce dell'uscita. Già la sconcertante prestazione in Champions League contro il Benfica, con i bianconeri scioltisi come neve al sole di fronte alle prime difficoltà dopo venti minuti frizzanti e che solo per caso non erano stati travolti dai portoghesi, aveva lanciato segnali sinistri, ma la prova di domenica sul campo della matricola brianzola ha avuto le caratteristiche del "film dell'orrore" sportivo.

 

Formazione obbligata per Allegri, appiedato dal giudice sportivo e sostituito in panchina da Landucci, a causa di infortuni (ormai non si contano più) e squalifiche. Se Perin salvava il salvabile tra i pali (incolpevole sulla zampata vincente di Gytkjaer), gli esterni bassi Danilo e De Sciglio spingevano poco e risultavano sempre in difficoltà di fronte alle folate biancorosse. Al centro della difesa impreciso Bremer e disastroso Gatti (preferito a Bonucci), specie nella ripresa quando per tre volte perdeva l'uomo prima di essere castigato dal "vichingo". Solita musica a centrocampo, dove il pur volitivo Miretti si fasceva risucchiare nel marasma generale, Paredes non azzeccava un passaggio e lasciava a desiderare sotto il profilo dell'impostazione, mentre McKennie risultava non pervenuto fino agli spunti d'orgoglio nel disperato finale. In attacco, troppo nervoso e quasi mai servito Vlahovic, a sprazzi Kostic, svagato e censurabile Di Maria, la cui ingenua espulsione ha di fatto messo la pietra tombale sulla gara di Madama.

 

A lasciare basiti è stato l'atteggiamento dei bianconeri, svagati, impauriti, privi non solo di un'idea di gioco (ammesso che il loro allenatore glien'abbia mai data una) ma anche di una semplice linea da seguire per affrontare avversari reduci da un cambio in panchina, che avrebbero dovuto invece assaltare con una reazione d'orgoglio e di personalità.

Di conseguenza manovra sempre lasciata in mano al Monza, ritmi bassi e gara soporifera dominata dalla paura sino all'ennesimo episodio di masochismo bianconero prima dell'intervallo, questa volta esplicitatosi nel folle quanto ingenuo fallo di reazione di Di Maria, caduto come un esordiente nella trappola della provocazione tesa dall'astuto Izzo.

La partita della Vecchia Signora è incomprensibilmente finita qui. Al rientro dagli spogliatoi gli sguardi dei bianconeri erano persi nel vuoto, impauriti, quasi fossero rassegnati ad accettare passivamente un destino agonistico ineluttabile e non sapessero come e dove trovare la forza per reagire ed invertirlo.

Serenità e convinzione di poter tentare il colpaccio invece per i monzesi, rinvigoriti da mister Palladino. La ripresa si giocava in una sola metà campo, quella juventina, con la sensazione che si dovesse solo aspettare l'inevitabile gol del Monza, puntualmente arrivato ad un quarto d'ora dal termine.

Per la Juve ultimi minuti di agonia neanche supportati da una reazione nervosa (nell'unica occasione creata Kean "depositava" di testa la sfera tra le braccia del portiere), poi il triplice fischio dava il via all'incredula festa del Monza, che abbandonava l'ultimo posto grazie alla prima storica vittoria in serie A mettendo in bacheca lo scalpo di una nobile decaduta, e faceva sprofondare la Juventus in tutte le sue componenti (dirigenza, staff tecnico e sanitario, e squadra) nel baratro.

Un cambio di guida tecnica rappresenterebbe al momento un bagno di sangue economico difficilmente sostenibile, e l'ipotesi, anche per tradizione socidetaria. risulta improbabile. Certo è che rimettere insieme i cocci di un ambiente depresso e deprimente e ritrovare motivazioni ha i contorni dell'impresa titanica, col rischio di trascinarsi in una stagione anonima che culminerebbe con un fallimento su tutti i fronti.

La sosta servirà, forse, a riordinare le idee, poi il Bologna, anch'esso divenuto montagna alta da scalare.

 

Fotografia: www.torinofc.it

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Luca Ceste il 19/09/2022
 

Altri articoli dalla provincia...



Serie A: la Juve regola il Bologna, il Toro cade a Napoli

Troppo Napoli per un Torino che, travolto nella prima frazione, non riesce a rialzarsi e incassa la terza sconfitta consecutiva, mentre la convalescente Juventus ritrova il successo e qualche nota positiva regolando senza patemi l'arrendevole Bologna. Rappresentanti del calcio sotto la Mole sempre in altalena anche dopo l'ottava giornata di campionato. Erano i granata ad aprire...leggi
03/10/2022

Beffe finali per Torino e Juventus nel 6° turno di serie A

Il Torino prima contiene, poi spaventa l'Inter salvata solo da uno strepitoso Handanovic, ma, come ormai malaugurata consuetudine contro le "grandi", finisce per cadere in vista del traguardo ed esce da San Siro con tanti, inutili applausi e il grosso rammarico di non avere ancora una volta messo punti in tasca. Una Juventus sempre più dai due volti vive un primo tempo da incubo ...leggi
13/09/2022

Serie A: il Toro supera il Lecce, la Juve bloccata sul pari a Firenze

Una Juventus sempre più enigmatica torna da Firenze con uno striminzito punticino e tanti, troppi punti interrogativi. Il Torino si rimette in marcia, regola di misura con buona personalità il tignoso Lecce e sorpassa di nuovo i "cugini" in classifica. Continua l'altalena delle due rappresentanti del calcio sotto la Mole anche dopo la quinta giornata di campionato. ...leggi
06/09/2022

Serie A: Juve all'inglese con lo Spezia, a Bergamo primo ko del Toro

La Juventus non brilla, soffre, ma almeno centra i tre punti contro lo Spezia e rientra nel gruppone di vertice. Il Torino non sfigura ma, vittima delle proprie ingnuità e della mancanza di concretezza, fallisce l'esame di maturità in casa dell'Atalanta, concedendo agli orobici il lusso di affiancare la Roma al comando della classifica. Rappresentanti del calcio sotto la ...leggi
02/09/2022

Serie A: il Toro assapora la vetta, frena ancora la Juve

E' il Torino a detenere a sorpresa la supremazia del calcio sotto la Mole dopo la terza giornata di campionato inserendosi con pieno merito nel gruppetto al vertice della classifica, mentre la Juventus inanella il secondo mezzo passo falso consecutivo proseguendo nel suo avvio di stagione all'insegna dei rimpianti. Sale sempre più alla ribalta il gruppo di Juric, concreto e dete...leggi
29/08/2022

Le torinesi vanno in bianco nel secondo turno di serie A

  Un Toro bello ma spuntato riesce comunque ad imbrigliare la temuta Lazio continuando a muovere la classifica. La Juve galleggia e nulla più nelle acque di fronte alla Lanterna e finisce per fare il passo del gambero in casa della Sampdoria. Vanno in bianco le due rappresentanti del calcio sotto la Mole in una seconda giornata di campionato con troppe ombre e rari sprazzi d...leggi
24/08/2022

Juve e Toro chiudono il campionato con due meste sconfitte

Il campionato delle due rappresentanti del calcio sotto la Mole va in archivio con un paio di pesanti (per quanto ininfluenti) sconfitte, ultimo indice, se ancora ci fosse stato bisogno di conferme, di una stagione mediocre caratterizzata da troppe ombre e qualche sporadico bagliore, soprattutto da parte granata. Anche nella recita conclusiva davanti al proprio pubblico, la squ...leggi
23/05/2022

Il Toro sbanca Verona, la Juve celebra gli addii di Chiellini e Dybala

Mister Juric conduce il Toro a fare il colpaccio dell'ex nell'amata Verona. La Juve, ormai svuotata e svagata, dapprima perde in maniera rocambolesca la finale di Coppa Italia al termine di una partita che ha rappresentato la sintesi di tutte le carenze e gli errori stagionali, quindi rovina la festa d'addio di Chiellini e Dybala facendosi rimo...leggi
17/05/2022

Serie A: turno di campionato da dimenticare per Juventus e Torino

Una Vecchia Signora grottesca si trasforma in Dama di Carità, sciupa oltre l'immaginabile e dona tutto in beneficenza rimettendo in gioco un Grifone ormai retrocesso ed attirandosi gli strali di tutte le altre altre squadre impegnate nella lotta per la salvezza. Il Toro come di consueto tiene orgogliosamente testa all'avversario di turno di maggiore caratura, riesce a stare a ga...leggi
09/05/2022

Serie A: sorridono ancora in coppia Juventus e Torino

Bonucci soffia due volte sulle candeline del compleanno e toglie le castagne dal fuoco contro il fanalino di coda Venezia ad una Juventus sempre balbettante, che tuttavia, grazie al pareggio interno della Roma contro il Bologna, centra con tre giornate d'anticipo l'obiettivo minimo della qualificazione alla prossima Champions League e potrà ora dedicarsi alla finale di Coppa Ita...leggi
02/05/2022

Serie A: vittorie in coppia per Juventus e Torino

    Lo stesso risultato, scaturito al termine di due prestazioni diametralmente opposte, consente a Torino e Juventus di mettersi in tasca tre punti di platino per la classifica e di guardare con maggiore serenità al finale di stagione. Il turno di campionato ha regalato una vera e propria Festa de...leggi
26/04/2022

Pareggi in serie per Juve e Toro nel turno pasquale di serie A

  Uovo di Pasqua con sorpresa (amara) per Juventus e Torino, che gettano al vento in coppia l'ennesima occasione per rendere meno anonima la loro stagione, al termine di due partite dall'andamento analogo ma con esito opposto, che lasciano in tasca un solo punto e tanti rammarichi. ...leggi
19/04/2022

La Juve sbanca Cagliari, il Toro ferma la capolista Milan

La Juventus digerisce la pesante sconfitta incassata con l'Inter, rialza la testa e, pur soffrendo, si impone in rimonta a Cagliari blindando almeno il quarto posto. Il Torino fornisce un'altra prova a tutto cuore e inchioda sul risultato ad occhiali il Diavolo rossonero, facendo corre...leggi
12/04/2022

Il Toro ritrova il successo a Salerno, la Juve ko nel derby d'Italia

Il VAR sui rigori fa sorridere il Toro, che ritrova la gioia del successo dopo una lunga quaresima durata quasi tre mesi, mentre provoca un travaso di bile alla Juve, costretta a cedere il derby d'Italia agli acerrimi rivali nerazzurri, tornati ad espugnare il fortino dello Stadium dopo quasi dieci anni. I fischietti orientati dalle revisioni televisive hanno caratterizzato una giornat...leggi
05/04/2022

La Juve vince con la Salernitana, il Toro fa il passo del gambero

Un Torino sazio e colpevolmente presuntuoso dopo l'ottima e sfortunata prova contro l'Inter fa il passo del gambero e affonda a Genova. La Juventus dapprima incappa nella terza, clamorosa, eliminazione consecutiva negli ottavi di finale di Champions League, poi sorbisce un brodino ricostituente in campionato contro la quasi spacciata Sal...leggi
21/03/2022


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,03230 secondi