Quantcast

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI    

Edizione provinciale di Torino


Juve e Toro chiudono il campionato con due meste sconfitte

I bianconeri battuti a Firenze, i granata si arrendono in casa alla Roma

Il campionato delle due rappresentanti del calcio sotto la Mole va in archivio con un paio di pesanti (per quanto ininfluenti) sconfitte, ultimo indice, se ancora ci fosse stato bisogno di conferme, di una stagione mediocre caratterizzata da troppe ombre e qualche sporadico bagliore, soprattutto da parte granata.

Anche nella recita conclusiva davanti al proprio pubblico, la squadra di Juric non è riuscita ad avere la meglio su una delle "grandi" che la precedono in classifica, pagando ancora una volta dazio alle proprie leggerezze difensive. Contro la Roma il tecnico croato, condizionato dalle assenze, doveva reinventare la difesa schierando davanti a Berisha l'inedito trio composto da Lukic, Zima e Rodriguez. Rotazione sugli esterni, dove partivano Aina e Ansaldi, mentre in mezzo al campo Pobega e Ricci apparivano troppo acerbi per conuigare qualità a quantità. Standard il tridente offensivo, con Brekalo e Praet a supporto di Belotti, apparsi tutti comunque distanti dalla condizione migliore.

In un avvio di gara combattuto quanto equilibrato, i granata reggevano agevolmente il confronto con i giallorossi, poi, passata la mezz'ora, Zima difettava nella marcatura di Abraham, che lo "uccellava" portando in vantaggio la squadra di Mourinho. Come se non bastasse, prima dell'intervallo il Toro confezionava il gradito regalo che consentiva agli avversari di raddoppiare ipotecando il successo. Da matita blu il retropassaggio di Rodriguez sfruttato da Abraham, che atterrato da Berisha lo trafiggeva in seguito dal dischetto.

Nella ripresa, nonostante la girandola di sostituzioni, la partita non aveva più storia, con la Roma che continuava il suo corroborante allenamento in vista della finale di Conference League e i torinisti incapaci di rendersi pericolosi. Nel finale altro evitabile fallo in area di Buongiorno su Zaniolo per il secondo rigore romanista della serata, con cui Lorenzo Pellegrini chiudeva i discorsi, mentre Berisha salvava ancora su El Shaarawy evitando che il passivo assumesse dimensioni più vistose.

In sede di bilancio la stagione del Toro può essere archiviata senza dubbio col segno postivo. Tredici punti in più rispetto all'annata precedente, salvezza mai in discussione e tranquilla navigazione nelle acque calme del centro classifica, rappresentano un notevole passo in avanti rispetto al recente passato. A questo si aggiunge l'impronta data da mister Juric, che ha fornito alla squadra gioco e identità, rinvigorendone il carattere. I limiti strutturali della rosa e la discontinuità nell'applicazione mentale hanno invece impedito di compiere un ulteriore salto in avanti togliendosi anche qualche soddisfazione contro le "grandi" del campionato.

Per raggiungere quest'obiettivo e sognare il ritorno in Europa, il confermato tecnico ha indicato la necessità di innestare una decina di rinforzi, richiesta che stride con la politica da sempre attuata dal presidente Cairo che, dopo l'ormai certo ritorno di Brekalo al Wolfsburg, penserà prima a fare cassa cedendo i "pezzi pregiati" (su tutti Bremer, consacratosi con una stagione straordinaria, e Belotti, alla ricerca di un palcoscenico più prestigioso dopo aver dato l'anima per il Toro) prima di inserire ritocchi mirati. Per i tifosi granata si preannuncia un'altra estate di passione.

Se il Toro può abbozzare un sorriso, la Juve si lecca le ferite al termine di una stagione che ha quasi assunto le sembianze del fallimento. Staccata la spina dopo il sudato successo del 1° maggio contro il Venezia, che ha garantito l'approdo in Champions League, i bianconeri sono andati incontro ad una serie di prestazioni censurabili in cui hanno fatto beneficenza sportiva agli avversari di turno, culminate con l'abulica prova di Firenze.

Squadra di Allegri non pervenuta al "Franchi" ed ennesimo rimescolamento di formazione privo di effetti. La difesa a tre (De Ligt-Bonucci-Chiellini) è andata troppo spesso in difficoltà, sugli esterni sotto ritmo Bernardeschi ed Alex Sandro, impalpabili e privi di lucidità Miretti, Locatelli e Rabiot a centrocampo, svaniti e indolenti Dybala e Kean sul fronte offensivo.

Dopo un avvio equilibrato, la Vecchia Signora lasciava il campo alla più motivata Viola e prima di rientrare negli spogliatoi per l'intervallo combinava la frittata con i difensori che non riuscivano a liberare l'area e Duncan pronto a portare in vantaggio la squdra di Italiano. Ripresa al piccolo trotto, con Madama senza la forza e gli stimoli per cercare di riequilibrare il risultato e Fiorentina in agevole controllo che si vedeva negare la rete della tranquillità solo dal doppio miracolo del subentrato Pinsoglio su Piatek e Bonaventura. Allo scadere l'ultima "perla", con il fallo di Bonucci su Torreira che mandava Nico Gonzalez sul dischetto per la chiusura in gloria dei toscani (che tornano a disputare le coppe europee dopo una quindicina d'anni) e il poco dignitoso congedo dei bianconeri.

Il ritorno sulla panchina della "minestra riscaldata" Allegri, complici un organico assemblato male, con troppi giocatori giunti al capolinea o privi nella mentalità necessaria a giocare nella Juventus, e diversi infortuni di peso, non ha portato gli effetti sperati. L'unico aspetto in cui ha fatto meglio del suo predecessore Pirlo (probabilmente giubilato con troppa fretta) è stata la qualificazione in Champions League (il minimo per non parlare di fallimento totale) con tre giornate d'anticipo sulla fine del campionato. Per il resto 8 punti in meno in classifica, Supercoppa e Coppa Italia perse facendosi rimontare dall'Inter in due rocambolesche finali e Champions League sempre salutata al primo turno ad eliminazione diretta.

La dirigenza avrà di che riflettere e molto da lavorare. Data per scontata la conferma del tecnico livornese, dovrà rinforzare ogni reparto con giocatori motivati e funzionali alla causa, senza cadere, come nel recente passato, nel tranello dei comodi ma spesso inefficaci "parametri zero" o dei nomi affascinanti per la piazza ma con una grossa incognita sul loro potenziale rendimento (Pogba e Di Maria gli ultimi circolati). La ricostruzione è solo all'inizio e necessiterà di idee e linea di condotta chiare in ogni ambito. Altri passi falsi rischiano di prolungare di anni l'assenza della Juve dal vertice.

Fotografia: Eurosport.

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Luca Ceste il 23/05/2022
 

Altri articoli dalla provincia...



Il Toro sbanca Verona, la Juve celebra gli addii di Chiellini e Dybala

Mister Juric conduce il Toro a fare il colpaccio dell'ex nell'amata Verona. La Juve, ormai svuotata e svagata, dapprima perde in maniera rocambolesca la finale di Coppa Italia al termine di una partita che ha rappresentato la sintesi di tutte le carenze e gli errori stagionali, quindi rovina la festa d'addio di Chiellini e Dybala facendosi rimo...leggi
17/05/2022

Serie A: turno di campionato da dimenticare per Juventus e Torino

Una Vecchia Signora grottesca si trasforma in Dama di Carità, sciupa oltre l'immaginabile e dona tutto in beneficenza rimettendo in gioco un Grifone ormai retrocesso ed attirandosi gli strali di tutte le altre altre squadre impegnate nella lotta per la salvezza. Il Toro come di consueto tiene orgogliosamente testa all'avversario di turno di maggiore caratura, riesce a stare a ga...leggi
09/05/2022

Serie A: sorridono ancora in coppia Juventus e Torino

Bonucci soffia due volte sulle candeline del compleanno e toglie le castagne dal fuoco contro il fanalino di coda Venezia ad una Juventus sempre balbettante, che tuttavia, grazie al pareggio interno della Roma contro il Bologna, centra con tre giornate d'anticipo l'obiettivo minimo della qualificazione alla prossima Champions League e potrà ora dedicarsi alla finale di Coppa Ita...leggi
02/05/2022

Serie A: vittorie in coppia per Juventus e Torino

    Lo stesso risultato, scaturito al termine di due prestazioni diametralmente opposte, consente a Torino e Juventus di mettersi in tasca tre punti di platino per la classifica e di guardare con maggiore serenità al finale di stagione. Il turno di campionato ha regalato una vera e propria Festa de...leggi
26/04/2022

Pareggi in serie per Juve e Toro nel turno pasquale di serie A

  Uovo di Pasqua con sorpresa (amara) per Juventus e Torino, che gettano al vento in coppia l'ennesima occasione per rendere meno anonima la loro stagione, al termine di due partite dall'andamento analogo ma con esito opposto, che lasciano in tasca un solo punto e tanti rammarichi. ...leggi
19/04/2022

La Juve sbanca Cagliari, il Toro ferma la capolista Milan

La Juventus digerisce la pesante sconfitta incassata con l'Inter, rialza la testa e, pur soffrendo, si impone in rimonta a Cagliari blindando almeno il quarto posto. Il Torino fornisce un'altra prova a tutto cuore e inchioda sul risultato ad occhiali il Diavolo rossonero, facendo corre...leggi
12/04/2022

Il Toro ritrova il successo a Salerno, la Juve ko nel derby d'Italia

Il VAR sui rigori fa sorridere il Toro, che ritrova la gioia del successo dopo una lunga quaresima durata quasi tre mesi, mentre provoca un travaso di bile alla Juve, costretta a cedere il derby d'Italia agli acerrimi rivali nerazzurri, tornati ad espugnare il fortino dello Stadium dopo quasi dieci anni. I fischietti orientati dalle revisioni televisive hanno caratterizzato una giornat...leggi
05/04/2022

La Juve vince con la Salernitana, il Toro fa il passo del gambero

Un Torino sazio e colpevolmente presuntuoso dopo l'ottima e sfortunata prova contro l'Inter fa il passo del gambero e affonda a Genova. La Juventus dapprima incappa nella terza, clamorosa, eliminazione consecutiva negli ottavi di finale di Champions League, poi sorbisce un brodino ricostituente in campionato contro la quasi spacciata Sal...leggi
21/03/2022

La Juve vince a Genova, per il Toro pari con beffa contro l'Inter

Una Juventus concreta e in confortante progresso passa anche in casa della Sampdoria, inanella il quindicesimo risultato utile consecutivo e prosegue la sua risalita verso le posizioni che contano, preparandosi al meglio per il ritorno degli ottavi di finale di Champions League contro il Villareal. Il Torino schiuma di rabbia per i torti arbitrali subiti e la propria mancanza di cinism...leggi
15/03/2022

Il Toro pareggia a Bologna, la Juve archivia la pratica Spezia

  Il Torino cerca i tre punti con maggiore convinzione rispetto agli avversari, ma manca di concretezza offensiva e a Bologna deve accontentarsi di un pareggio che porta un contributo minimo ad una classifica sempre più anonima. La solita Juventus sparagnina centra, come avvenuto quattro giorni prima in Coppa Italia, il massimo risultato con ...leggi
07/03/2022

La Juve trova tre punti pesanti ad Empoli, il Toro ko con il Cagliari

Una Juventus ormai votata al gioco di rimessa si accende a sprazzi, soffre, si complica la vita da sola, ma aggrappandosi alla vena realizzativa di Vlahovic (nella foto di Eurosport) ritrova la vittoria nella non semplice trasferta di Empoli e, complici i mezzi passi falsi delle milanesi, accorcia il divario dal trio di vertice continuando la sua corsa in zona Cha...leggi
28/02/2022

Belotti risponde a De Ligt: il derby della Mole finisce in parità

Archiviato il capitombolo interno con Venezia, il Toro ritrova in fretta la sua anima, interpreta il derby con lo spirito "tremendista" dei tempi migliori e impone il pareggio ai bianconeri (il terzo da quando è stato inaugurato l'Allianz Stadium) al termine di una gara in cui avrebbe anche meritato l'intera posta in palio per quanto espresso in campo. La Juve l'anima sembra ave...leggi
20/02/2022

Più dolori che gioie per Toro e Juve nel 25° turno di serie A

  Toro e Juve partono forte, accusano un fatale calo di tensione quando sembravano avere la partita in pugno, vanno sotto e in un finale rocambolesco su entrambi i campi solo i bianconeri riescono a rientrare in carreggiata. Zoppicano le due rappresentati del pallone sotto la Mole, che con ogni probabilità devono definitivamente ridimensionare i propri obiettivi in campionat...leggi
14/02/2022

Crollo del Toro nel recupero, la Juve si rilancia in zona Champions

  Il Toro combina la frittata in pieno recupero e manda in fumo un punto che aveva saldamente in mano. La Juve inserisce due succulente varianti di mercato in un menù altrimenti ancora piuttosto insipido e aggancia la zona Champions League. La ripresa del campionato dopo la sosta per lo stage della Nazionale ha ancora una volta riservato gioie e dolori alle due rappresentant...leggi
08/02/2022

Pareggi per Juve e Toro nel 23° turno di serie A

  Il Torino, forse mai così scintillante in stagione, domina a lungo e strappa applausi ma non chiude la partita (complice la sfortuna) e finisce per compiacersi troppo, venendo beffato dal Sassuolo che strappa un pareggio insperato lasciando ai granata un punto in mano e tanto rammarico in corpo per una vittoria meritatissima gettata al vento. La Juventus, pragmatic...leggi
25/01/2022


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,05795 secondi