Quantcast

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI    

Edizione provinciale di Torino


Sorrisi in coppia per le rappresentanti di serie A sotto la Mole

 

Un Torino sempre più autorevole vince e convince sull'insidioso campo della Sampdoria proseguendo nel suo percorso di crescita e di risalita in classifica. La Juventus smaltisce la delusione per la rocambolesca sconfitta in Supercoppa e, pur non brillando, regola all'inglese l'Udinese allungando la sua striscia di risultati utili consecutivi e restando salda in zona Europa. Il sabato degli anticipi di campionato ha di nuovo regalato sorrisi in coppia alle due rappresentanti del calcio sotto la Mole.

Ad aprire le danze sono stati nel tiepido pomeriggio genovese i granata, sempre più compagine plasmata ad immagine e somiglianza del verbo calcistico predicato dal suo tecnico croato. Ai dettami tattici applicati con precisione in campo, indice di un'identità ormai interiorizzata, si va sommando una crescente personalità che ha portato la squadra a non disunirsi e a reagire dopo il repentino svantaggio, prendendo progressivamente in mano le redini dell'incontro sino a ribaltarlo con merito nella ripresa.

Davanti ad un Milinkovic-Savic piuttosto impreciso, "complice" col suo errato disimpegno della rete doriana siglata da Caputo, si disimpegnavano con sicurezza Zima, Bremer e Rodriguez; la regia nella zona nevralgica era affidata a Lukic e Mandragora, mentre sulle corsie esterne diventavano protagonisti di giornata Singo e Vojvoda al pari dei trequartisti Praet e Brekalo, chiamati a finalizzare e a supportare il terminale offensivo Sanabria.

Primi squilli granata di Vojvoda e Praet neutralizzati da Falcone, poi il "pasticcio" difensivo che consegnava il vantaggio ai blucerchiati. La squadra di Juric ricompattava subito le fila e cominciava a macinare gioco sfruttando le fasce laterali per allargare l'avversario e favorire gli inserimenti dei centrocampisti. Proprio da una "specialità della casa" giungeva il pareggio, grazie ad una combinazione da quinto a quinto in cui Vojvoda scodellava un assist al bacio per la seconda incornata vincente di Singo in altrettante partite. Di marca granata anche il finale di tempo e solo la reattività di Falcone sulla deviazione di Askildsen negava a Brekalo la gioia del gol.

Il crescendo torinista continuava nella ripresa. Archiviato lo spavento dopo il salvataggio di Rodriguez su colpo di testa di Thorsby successivo al secondo svarione del portiere granata, la squadra di Juric assumeva il controllo dell'iniziativa in virtù di un buon pressing che favoriva il recupero palla. Triangolazioni veloci, inserimenti e fughe sugli esterni facevano il resto. Il nuovo e definitivo vantaggio era frutto di un altro marchio di fabbrica del Toro: ovvero inserimento nello spazio della mezz'ala Lukic e finalizzazione ancora di testa (con brivido per il pallone che usciva da un buco della rete) del trequartista goleador Praet, spietato ex (nella foto di www.torinofc.it). Epilogo dell'incontro equilibrato, con la squadra di D'Aversa più propositiva alla ricerca del pareggio mancato da Quagliarella (suo malgrado in versione ex dal cuore tenero) e il Toro che non riusciva a chiudere i conti con Singo, Sanabria e Pjaca. Il triplice fischio suggellava i meritati tre punti dei granata, chiamati domenica prossima a ripetersi nel turno casalingo contro il Sassuolo.

Ancora scottato dall'incredibile serie di errori difensivi che all'ultimo respiro dei supplementari ha consegnato la Supercoppa all'Inter, vanificando la possibilità di giocarsi il trofeo ai rigori in coda ad una gara di sofferenza pura, a tratti di manifesta inferiorità, in cui la Juventus con umiltà e coscienza dei propri limiti era comunque riusciata ad ingabbiare la nuova dominatrice della scena italiana, mister Allegri festeggiava contro l'Udinese la sua trecentesima panchina in bianconero facendo sempre più di necessità virtù ed intascando altri tre punti utili a classifica e morale.

Se da un lato la striscia utile si è allungata e la porta è tornata a restare inviolata (sicuro Szczesny nelle poche occasioni in cui è stato chiamato in causa), dall'altro la Juve ha continuato a evidenziare i propri limiti ormai cronici, fatti di caratura tecnica e personalità non adeguati in troppi dei suoi interpreti, difficoltà a sviluppare e concretizzare la manovra e pericolosi cali di tensione questa volta non sfruttati da un avversario estremamente rimaneggiato e sterile sul fronte offensivo.

Contro i friulani è stato De Ligt a guidare la difesa, mentre Rugani ha mostrato troppe incertezze. Sugli esterni alla continuità di Cuadrado ha fatto da contraltare la prova tentennante e poco incisiva di Luca Pellegrini (preferito ad uno svagato Alex Sandro, da troppo tempo in calo verticale di rendimento), rilevato da un più redditizio De Sciglio nel corso della ripresa. Nel settore nevralgico più lucido e meno compassato del solito Arthur (ammonito e rimpiazzato dopo l'intervallo dal lineare Locatelli), pimpante e volitivo McKennie, determinato Bentancur, deludente Kulusevski, così come il suo sostituto Bernardeschi. Luci ed ombre amche in avanti, dove al polemico e rabbuiato Dybala, prezioso regista offensivo e finalizzatore libero di svariare su tutto il fronte, non corrispondeva una prestazione altrettanto positiva di Kean, ancora lontano dal riuscire ad incidere (meglio Morata a partita in corso).

Due le armi con cui la Vecchia Signora cercava di scardinare il compatto e fin troppo remissivo schieramento friulano. Da un lato il movimento della palla alla ricerca del cambio di fronte del gioco per sorprendere gli avversari, dall'altro le triangolazioni per vie centrali. Il tutto era però ostacolato da un ritmo non elevato, nonostante il quale il tocco di Kean riusciva a smarcare Dybala per la rete del vantaggio con mancata esultanza che getta ulteriori ombre sul rinnovo del contratto dell'argentino.

Dopo l'intervallo i bianconeri, anziché spingere per chiudere la partita, rifiatavano, abbassavano ancora ritmo e baricentro e venivano sorpresi dalla volitiva Udinese, palesando le solite, eccessive, insicurezze. Il risultato restava così pericolosamente in bilico sino ad una decina di minuti dalla fine, quando un cambio di fronte da manuale di Dybala pescava sulla sinistra l'avanzante De Sciglio, il cui cross veniva insaccato di testa dal perfetto inserimento del texano, alleviando ad Allegri qualche sofferenza e qualche urlo (percepito nitidamente dati i soli cinquemila spettatori imposti sugli spalti) nell'epilogo dell'incontro. Compiuto un altro passo in avanti in campionato, la Juve dovrà affrontare ora un nuovo doppio esame fondamentale per il prosieguo della sua stagione. Martedì riceverà la Sampdoria negli ottavi di finale di Coppa Italia e domenica sera farà visita al Milan.

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Luca Ceste il 17/01/2022
 

Altri articoli dalla provincia...



Il Toro sbanca Verona, la Juve celebra gli addii di Chiellini e Dybala

Mister Juric conduce il Toro a fare il colpaccio dell'ex nell'amata Verona. La Juve, ormai svuotata e svagata, dapprima perde in maniera rocambolesca la finale di Coppa Italia al termine di una partita che ha rappresentato la sintesi di tutte le carenze e gli errori stagionali, quindi rovina la festa d'addio di Chiellini e Dybala facendosi rimo...leggi
17/05/2022

Serie A: turno di campionato da dimenticare per Juventus e Torino

Una Vecchia Signora grottesca si trasforma in Dama di Carità, sciupa oltre l'immaginabile e dona tutto in beneficenza rimettendo in gioco un Grifone ormai retrocesso ed attirandosi gli strali di tutte le altre altre squadre impegnate nella lotta per la salvezza. Il Toro come di consueto tiene orgogliosamente testa all'avversario di turno di maggiore caratura, riesce a stare a ga...leggi
09/05/2022

Serie A: sorridono ancora in coppia Juventus e Torino

Bonucci soffia due volte sulle candeline del compleanno e toglie le castagne dal fuoco contro il fanalino di coda Venezia ad una Juventus sempre balbettante, che tuttavia, grazie al pareggio interno della Roma contro il Bologna, centra con tre giornate d'anticipo l'obiettivo minimo della qualificazione alla prossima Champions League e potrà ora dedicarsi alla finale di Coppa Ita...leggi
02/05/2022

Serie A: vittorie in coppia per Juventus e Torino

    Lo stesso risultato, scaturito al termine di due prestazioni diametralmente opposte, consente a Torino e Juventus di mettersi in tasca tre punti di platino per la classifica e di guardare con maggiore serenità al finale di stagione. Il turno di campionato ha regalato una vera e propria Festa de...leggi
26/04/2022

Pareggi in serie per Juve e Toro nel turno pasquale di serie A

  Uovo di Pasqua con sorpresa (amara) per Juventus e Torino, che gettano al vento in coppia l'ennesima occasione per rendere meno anonima la loro stagione, al termine di due partite dall'andamento analogo ma con esito opposto, che lasciano in tasca un solo punto e tanti rammarichi. ...leggi
19/04/2022

La Juve sbanca Cagliari, il Toro ferma la capolista Milan

La Juventus digerisce la pesante sconfitta incassata con l'Inter, rialza la testa e, pur soffrendo, si impone in rimonta a Cagliari blindando almeno il quarto posto. Il Torino fornisce un'altra prova a tutto cuore e inchioda sul risultato ad occhiali il Diavolo rossonero, facendo corre...leggi
12/04/2022

Il Toro ritrova il successo a Salerno, la Juve ko nel derby d'Italia

Il VAR sui rigori fa sorridere il Toro, che ritrova la gioia del successo dopo una lunga quaresima durata quasi tre mesi, mentre provoca un travaso di bile alla Juve, costretta a cedere il derby d'Italia agli acerrimi rivali nerazzurri, tornati ad espugnare il fortino dello Stadium dopo quasi dieci anni. I fischietti orientati dalle revisioni televisive hanno caratterizzato una giornat...leggi
05/04/2022

La Juve vince con la Salernitana, il Toro fa il passo del gambero

Un Torino sazio e colpevolmente presuntuoso dopo l'ottima e sfortunata prova contro l'Inter fa il passo del gambero e affonda a Genova. La Juventus dapprima incappa nella terza, clamorosa, eliminazione consecutiva negli ottavi di finale di Champions League, poi sorbisce un brodino ricostituente in campionato contro la quasi spacciata Sal...leggi
21/03/2022

La Juve vince a Genova, per il Toro pari con beffa contro l'Inter

Una Juventus concreta e in confortante progresso passa anche in casa della Sampdoria, inanella il quindicesimo risultato utile consecutivo e prosegue la sua risalita verso le posizioni che contano, preparandosi al meglio per il ritorno degli ottavi di finale di Champions League contro il Villareal. Il Torino schiuma di rabbia per i torti arbitrali subiti e la propria mancanza di cinism...leggi
15/03/2022

Il Toro pareggia a Bologna, la Juve archivia la pratica Spezia

  Il Torino cerca i tre punti con maggiore convinzione rispetto agli avversari, ma manca di concretezza offensiva e a Bologna deve accontentarsi di un pareggio che porta un contributo minimo ad una classifica sempre più anonima. La solita Juventus sparagnina centra, come avvenuto quattro giorni prima in Coppa Italia, il massimo risultato con ...leggi
07/03/2022

La Juve trova tre punti pesanti ad Empoli, il Toro ko con il Cagliari

Una Juventus ormai votata al gioco di rimessa si accende a sprazzi, soffre, si complica la vita da sola, ma aggrappandosi alla vena realizzativa di Vlahovic (nella foto di Eurosport) ritrova la vittoria nella non semplice trasferta di Empoli e, complici i mezzi passi falsi delle milanesi, accorcia il divario dal trio di vertice continuando la sua corsa in zona Cha...leggi
28/02/2022

Belotti risponde a De Ligt: il derby della Mole finisce in parità

Archiviato il capitombolo interno con Venezia, il Toro ritrova in fretta la sua anima, interpreta il derby con lo spirito "tremendista" dei tempi migliori e impone il pareggio ai bianconeri (il terzo da quando è stato inaugurato l'Allianz Stadium) al termine di una gara in cui avrebbe anche meritato l'intera posta in palio per quanto espresso in campo. La Juve l'anima sembra ave...leggi
20/02/2022

Più dolori che gioie per Toro e Juve nel 25° turno di serie A

  Toro e Juve partono forte, accusano un fatale calo di tensione quando sembravano avere la partita in pugno, vanno sotto e in un finale rocambolesco su entrambi i campi solo i bianconeri riescono a rientrare in carreggiata. Zoppicano le due rappresentati del pallone sotto la Mole, che con ogni probabilità devono definitivamente ridimensionare i propri obiettivi in campionat...leggi
14/02/2022

Crollo del Toro nel recupero, la Juve si rilancia in zona Champions

  Il Toro combina la frittata in pieno recupero e manda in fumo un punto che aveva saldamente in mano. La Juve inserisce due succulente varianti di mercato in un menù altrimenti ancora piuttosto insipido e aggancia la zona Champions League. La ripresa del campionato dopo la sosta per lo stage della Nazionale ha ancora una volta riservato gioie e dolori alle due rappresentant...leggi
08/02/2022

Pareggi per Juve e Toro nel 23° turno di serie A

  Il Torino, forse mai così scintillante in stagione, domina a lungo e strappa applausi ma non chiude la partita (complice la sfortuna) e finisce per compiacersi troppo, venendo beffato dal Sassuolo che strappa un pareggio insperato lasciando ai granata un punto in mano e tanto rammarico in corpo per una vittoria meritatissima gettata al vento. La Juventus, pragmatic...leggi
25/01/2022


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,03295 secondi