Quantcast

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI    

Edizione provinciale di Torino


Turno di A all'insegna dei poker per Juventus e Torino

Bianconeri corsari in rimonta a Roma, largo successo dei granata contro la Fiorentina

 

 

 

La Juventus maschera con ritrovato orgoglio le sue ben note carenze e tre quarti di gara da censurare, sfrutta con cinismo l'incredibile "collasso mentale" (per usare le parole del suo tecnico) della Roma e agguanta in maniera che definire rocambolesca sarebbe un eufemismo tre punti insperati al termine di una gara dall'andamento schizofrenico, rinfrancando morale e classifica.

 

Un Torino devastante, più forte delle assenze per Covid, delle quarantene imposte dall'ASL e dei pochi allenamenti nelle gambe dopo il ricorso al TAR vinto dalla Lega Serie A, travolge un'irriconoscibile Fiorentina al culmine di una gara quasi perfetta. Turno di campionato da incornicare per le due rappresentanti del calcio sotto la Mole, che viaggiano finalmente in coppia a braccetto con la vittoria facendo valere la regola del quattro.

 

Partita pazza all'Olimpico di Roma fra due squadre che hanno evidenziato tutte le lacune tecnico-tattiche e caratteriali che in questa stagione ne stanno limitando le ambizioni di alta classifica. Una Juventus remissiva e priva di nerbo si consegna per settanta minuti ad una Roma motivata e pimpante dopo la scoppola incassata a San Siro dal Milan, quasi fosse scesa nella Capitale per onor di firma a disputare un incontro dall'esito già scritto.

 

Battute d'avvio da incubo sotto la pressione giallorossa, con gli esterni Cuadrado e De Sciglio frenati dalle incursioni avversarie e i centrali De Ligt e Rugani fuori tempo e posizione nelle marcature sulle palle inattive. La comoda rete di testa di Abraham logica conseguenza dell'iniziale dominio romanista.

 

Timida la reazione bianconera, affidata al solo volitivo dinamismo di McKennie, agli strappi individuali di Chiesa (presto messo fuori gioco dal grave infortunio al legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro che lo costringerà a stare lontano dai campi fino all'inizio della prossima stagione) e al moto perpetuo di un ispirato Dybala, quasi calato nei panni del regista offensivo col compito di sopperire alla mancanza di idee e di ritmo dei mediani Locatelli e Bentancur.

 

Riequilibrato il punteggio quasi a sorpresa grazie ad una magia balistica dell'argentino, la squadra dello squalificato mister Allegri (sostituito in panchina dal fido Landucci), pur mantenendo sempre troppo basso il proprio baricentro e non riuscendo a legare i reparti, riusciva perlomeno a reggere fino all'intervallo la nuova pressione romanista.

 

La Vecchia Signora lasciava però la concentrazione negli spogliatoi ed iniziava in maniera svagata anche la seconda frazione, facendosi sorprendere dalla rapide verticalizzazioni degli uomini di Mourinho che in un batter d'occhio fruttavano il nuovo vantaggio su conclusione di Mkhitaryan deviata da De Sciglio (troppo lenti nell'occasione i difensori bianconeri ad andare in chiusura) e la terza rete su magistrale punizione di Lorenzo Pellegrini causata da un evitabile fallo al limite dell'area.

 

Come un pugile suonato, Madama non aveva la forza di reagire, anche se l'ingresso di Morata in luogo dello spaesato ed inconcludente Kean sembrava ridare brio alle rare iniziative juventine. Ma il calcio, come si sa, è un mistero strano capace di regalare sorprese impensabili. La Roma staccava la spina e la rete di Locatelli, imbeccato proprio dallo spagnolo e libero fra le belle statuine della difesa avversaria, mandava nel panico i giallorossi. Nel giro di sette minuti la Juve confezionava una rimonta da antologia affondando come lama nel burro del reparto difensivo di Mourinho ogni qual volta si proponeva in avanti. Kulusevski dopo l'avallo del VAR e il redivivo De Sciglio i protagonisti abili a sfruttare lo sbandamento capitolino ribaltando la situazione.

Una partita dall'andamento simile non poteva che avere un finale romanzesco. Il "pallavolista" De Ligt, già graziato nel primo tempo, rischiava di vanificare tutto lasciando anche i compagni in dieci, ma Szczesny ipnotizzava il rigorista Lorenzo Pellegrini ripetendo la prodezza già compiuta all'andata e Chiellini, gettato in emergenza nella mischia, cementava il muro juventino nel finale sino al triplice fischio liberatorio.

 

Archiviata l'impresa di Roma, i bianconeri dovranno contendere mercoledì la Supercoppa all'Inter con le pesanti assenze dell'infortunato Chiesa e degli squalificati Cuadrado e De Ligt, per poi cercare di allungare la striscia positiva di risultati in campionato nell'impegno casalingo di sabato sera contro l'Udinese.

 

Toro da stropicciarsi gli occhi. Compatti e tremendisti in tutto e per tutto, i granata affrontavano col piglio giusto il delicato posticipo "forzato" del lunedì pomeriggio contro la temuta Fiorentina dello spauracchio Vlahovic.

 

Mister Juric faceva esordire giocoforza tra i pali il giovane saviglianese classe 2000 Luca Gemello, che lo ripagava mostrando calma da veterano ed offrendo una prestazione all'insegna della sicurezza. Imperioso Bremer, che annullava il centravanti serbo ben supportato dai compagni di reparto Djidji e Rodriguez, mentre Singo e Vojvoda aravano le corsie esterne confezionando la rete del vantaggio con un cambio di gioco da un lato all'atro del campo.

 

In mediana Lukic e Mandragora dettavano i ritmi togliendo il respiro ai dirimpettai viola, mentre sulla trequarti Brekalo, migliore in campo, viveva la sua serata di grazia coadiuvato dalla "spalla" Praet a sostegno di Sanabria.

 

Avvio dai ritmi non elevati, con le due squadre che cercavano di stare entrambe alte per rubare palla e ripartire in verticale. Sbloccato il risultato, i torinisti dilagavano e chiudevano la pratica già entro la prima mezz'ora. Mattatore Brekalo, che dapprima sfruttava la caparbietà dell'uomo-assist Lukic, quindi ringraziava per il gentile regalo offerto da Callejon e insaccava.

 

I granata, dando prova di maturità, non abbassavano la guardia nella ripresa nonostante il triplice vantaggio. Concentrati e compatti contenevano l'iniziale quanto sterile reazione d'orgoglio della squadra di Italiano, poi colpivano ancora con l'imbeccata di Mandragora per Sanabria che, favorito dal maldestro tentativo di intervento di Igor, saltava anche Terracciano e depositava in rete la palla del sontuoso poker.

 

Il finale di gara era di pura accademia, con i granata che viaggiavano sulle ali dell'entusiasmo e, liberi mentalmente, mettevano in scena un repertorio fatto di intensità e precise quanto spettacolari geometrie, che oltre agli applausi strappavano finalmente anche un rotondo successo. La banda di Juric sarà ora chiamata a ripetersi sabato pomeriggio nella sempre ostica trasferta in casa della Sampdoria.

Fotografia: fonte Eurosport. 

 

 

 

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Luca Ceste il 10/01/2022
 

Altri articoli dalla provincia...



Sorrisi in coppia per le rappresentanti di serie A sotto la Mole

  Un Torino sempre più autorevole vince e convince sull'insidioso campo della Sampdoria proseguendo nel suo percorso di crescita e di risalita in classifica. La Juventus smaltisce la delusione per la rocambolesca sconfitta in Supercoppa e, pur non brillando, regola all'inglese l'Udinese allungando la sua striscia di risultati utili consecutivi e restando salda in zona Europa...leggi
17/01/2022

Befana amara per le torinesi: solo pari per la Juve, Toro ko dal Covid

Più carbone che balocchi dalla Befana per le due rappresentanti del calcio sotto la Mole. Il Covid sgambetta il Torino che, bloccato dall'ASL, non può presentarsi sul campo dell'Atalanta in quello che sarebbe stato l'esordio nel nuovo girone di ritorno "asimmetrico", che per ironia della sorte, o legge del contrappasso a seconda di come la si voglia vedere, avrebbe ripres...leggi
07/01/2022

La Juve supera il Cagliari, Toro ko di misura contro l'Inter capolista

La Juventus svolge al meglio il "compitino" casalingo contro il Cagliari secondo la modalità più cara nell'ultimo periodo e ancora una volta con un gol per tempo porta a casa i tre punti, accorcia sull'Atalanta per una zona Champions che non sembra più un miraggio e passa un Natale sereno in attesa di recuperare gli infortunati. Il Torino si esibisce alla S...leggi
23/12/2021

La Juve passa all'inglese a Bologna, Toro di misura sul Verona

  Una Juventus in stile britannico capitalizza al meglio le occasioni create nella nebbia di Bologna, torna ad intascare i tre punti e resta in zona coppe. Il Torino ottiene il massimo risultato col minimo sforzo di fronte ad un volitivo Verona, che nonostante l'inferiorità numerica sfrutta il "braccino" dei granata e crea grattacapi sino al ...leggi
21/12/2021

La Juventus regola il Genoa, pareggio del Torino a Cagliari

La Juventus si mantiene in linea di galleggiamento, intasca secondo pronostico i tre punti contro un Genoa facidiato dalle assenze e salvato da un passivo più ampio solo da un monumentale Sirigu, centra la seconda vittoria consecutiva mantenendo la porta inviolata e resta in zona coppe europee. Un Torino dai due volti non va invece oltre l'ennesimo pareggio a Cagliari, s...leggi
07/12/2021

La Juve passa in casa della Salernitana, pari Toro con l'Empoli

      La Juventus svolge il proprio compitino (seppur con qualche rischio evitabile) in casa della cenerentola Salernitana, sorbisce un brodino ricostituente e si rimette in marcia verso la difficile risalita in classifica. Il Torino offre dapprima sprazzi di antico tremendismo, poi si fa impaurire dall'infe...leggi
03/12/2021

Turno di serie A amaro per Juventus e Torino

Settimana nera per la Juventus, che prima subisce una dura lezione dal Chelsea in Champions League al termine di una trasferta londinese affrontata con inspiegabile atteggiamento da gita turistica, poi viene travolta dall'indagine sulle plusvalenze, quindi ripiomba nella dura realtà del campionato, in cui è apparsa quasi impotente di fronte alla pratica e solida Atalanta,...leggi
29/11/2021

Juve e Toro gioiscono a braccetto nell'ultimo turno di serie A

  Campane a festa per le due rappresentanti del calcio sotto la Mole, che si mettono in tasca tre punti pesanti nella tredicesima giornata di campionato e tornano a guardare con ottimismo al futuro. La Juventus sbanca con autorevolezza e cinismo l'Olimpico laziale, mentre il Torino doma l'Udinese al termine di una partita a lungo dominata con buona personalità e condotta in ...leggi
23/11/2021

La Juve stende la Fiorentina all'ultimo assalto, Toro ko a La Spezia

Un Toro meno pimpante rispetto alle ultime uscite fa il passo del gambero nel golfo di La Spezia e cade a sorpresa su un campo rivelatosi di nuovo stregato per i granata. La Juve, pur continuando a destare perplessità, soffre ma cerca fino alla fine la vittoria e piega "di corto muso" una Fiorentina ridotta in dieci, grazie ad un ...leggi
08/11/2021

Il Toro si esalta con la Samp, fatal Verona per la Juve

  Avvilente Juve, esaltante Toro. È tranciante la sentenza emessa dagli anticipi del sabato dell'undicesima giornata di serie A, al termine della quale i bianconeri hanno forse toccato il punto più basso dell'ultimo decennio, mentre i granata si illuminano finalmente di luce fulgida che si spera rimanga a lungo tale senza trasformarsi nell'ennesimo miraggio. &...leggi
01/11/2021

Doppio ko per le squadre torinesi nel turno infrasettimanale di A

Il turno infrasettimanale di campionato non si addice alle due torinesi, che ne escono con le ossa rotte, tanto rammarico e una sensazione di impotenza che fa addensare nubi nere all'orizzonte. Un Torino spavaldo riesce per ironia della sorte addirittura a fare la partita in casa della capolista Milan, ma paga ancora una volta la scarsa applicazione difensiva sulle palle inatti...leggi
28/10/2021

Finisce in parità il derby d'Italia, il Toro supera il Genoa

  Ritrovano il sorriso in coppia le due paladine del calcio sotto la Mole al termine di una nona giornata di campionato di cui hanno rappresentato l'apertura e la chiusura. Un Toro concreto, determinato e finalmente concentrato sino al triplice fischio ha piegato un volitivo Genoa intascando tre punti cruciali per il suo cammino, mentre una Juve pi&...leggi
25/10/2021

La Juve regola la Roma, il Toro cade nel finale a Napoli

Il Torino fornisce l'ennesima prestazione positiva di quest'avvio di stagione ma, come ormai triste consuetudine, cade ancora una volta nei minuti finali dovendo rimandare per la seconda partita consecutiva l'occasione di muovere la classifica. Graduatoria che continua invece a risalire la Juventus, tornata solida e giunta alla quarta affermazione di fila. La domenica di campio...leggi
19/10/2021

La Juve ancora una volta vince il derby della Mole nel finale

Locatelli fa le cose per bene, come recitava lo slogan di un Carosello di una cinquantina di anni fa, e con un tocco vellutato a cinque minuti dal termine regala alla Juve la vittoria in un derby che le permette di continuare la risalita in classifica, mentre il Toro esce ancora una volta con le mani vuote dal campo e il rammarico di non avere portato a termine l'impresa di strappare a...leggi
05/10/2021

La Juve supera la Samp, il Toro frena a Venezia in attesa del derby

Una Juventus ormai avvezza a frequentare le montagne russe riesce a domare la Sampdoria al termine dell'ennesima partita fra alti e bassi, conquista la sua prima vittoria casalinga, ma perde per infortunio, almeno fino alla ripresa dopo la sosta per le nazionali, la coppia d'attacco titolare Dybala-Morata.   Il Torino fa il passo del gambero e si impantana nella la...leggi
28/09/2021


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,07333 secondi