Quantcast

Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI    

Edizione provinciale di Torino


Turno di A all'insegna dei poker per Juventus e Torino

Bianconeri corsari in rimonta a Roma, largo successo dei granata contro la Fiorentina

 

 

 

La Juventus maschera con ritrovato orgoglio le sue ben note carenze e tre quarti di gara da censurare, sfrutta con cinismo l'incredibile "collasso mentale" (per usare le parole del suo tecnico) della Roma e agguanta in maniera che definire rocambolesca sarebbe un eufemismo tre punti insperati al termine di una gara dall'andamento schizofrenico, rinfrancando morale e classifica.

 

Un Torino devastante, più forte delle assenze per Covid, delle quarantene imposte dall'ASL e dei pochi allenamenti nelle gambe dopo il ricorso al TAR vinto dalla Lega Serie A, travolge un'irriconoscibile Fiorentina al culmine di una gara quasi perfetta. Turno di campionato da incornicare per le due rappresentanti del calcio sotto la Mole, che viaggiano finalmente in coppia a braccetto con la vittoria facendo valere la regola del quattro.

 

Partita pazza all'Olimpico di Roma fra due squadre che hanno evidenziato tutte le lacune tecnico-tattiche e caratteriali che in questa stagione ne stanno limitando le ambizioni di alta classifica. Una Juventus remissiva e priva di nerbo si consegna per settanta minuti ad una Roma motivata e pimpante dopo la scoppola incassata a San Siro dal Milan, quasi fosse scesa nella Capitale per onor di firma a disputare un incontro dall'esito già scritto.

 

Battute d'avvio da incubo sotto la pressione giallorossa, con gli esterni Cuadrado e De Sciglio frenati dalle incursioni avversarie e i centrali De Ligt e Rugani fuori tempo e posizione nelle marcature sulle palle inattive. La comoda rete di testa di Abraham logica conseguenza dell'iniziale dominio romanista.

 

Timida la reazione bianconera, affidata al solo volitivo dinamismo di McKennie, agli strappi individuali di Chiesa (presto messo fuori gioco dal grave infortunio al legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro che lo costringerà a stare lontano dai campi fino all'inizio della prossima stagione) e al moto perpetuo di un ispirato Dybala, quasi calato nei panni del regista offensivo col compito di sopperire alla mancanza di idee e di ritmo dei mediani Locatelli e Bentancur.

 

Riequilibrato il punteggio quasi a sorpresa grazie ad una magia balistica dell'argentino, la squadra dello squalificato mister Allegri (sostituito in panchina dal fido Landucci), pur mantenendo sempre troppo basso il proprio baricentro e non riuscendo a legare i reparti, riusciva perlomeno a reggere fino all'intervallo la nuova pressione romanista.

 

La Vecchia Signora lasciava però la concentrazione negli spogliatoi ed iniziava in maniera svagata anche la seconda frazione, facendosi sorprendere dalla rapide verticalizzazioni degli uomini di Mourinho che in un batter d'occhio fruttavano il nuovo vantaggio su conclusione di Mkhitaryan deviata da De Sciglio (troppo lenti nell'occasione i difensori bianconeri ad andare in chiusura) e la terza rete su magistrale punizione di Lorenzo Pellegrini causata da un evitabile fallo al limite dell'area.

 

Come un pugile suonato, Madama non aveva la forza di reagire, anche se l'ingresso di Morata in luogo dello spaesato ed inconcludente Kean sembrava ridare brio alle rare iniziative juventine. Ma il calcio, come si sa, è un mistero strano capace di regalare sorprese impensabili. La Roma staccava la spina e la rete di Locatelli, imbeccato proprio dallo spagnolo e libero fra le belle statuine della difesa avversaria, mandava nel panico i giallorossi. Nel giro di sette minuti la Juve confezionava una rimonta da antologia affondando come lama nel burro del reparto difensivo di Mourinho ogni qual volta si proponeva in avanti. Kulusevski dopo l'avallo del VAR e il redivivo De Sciglio i protagonisti abili a sfruttare lo sbandamento capitolino ribaltando la situazione.

Una partita dall'andamento simile non poteva che avere un finale romanzesco. Il "pallavolista" De Ligt, già graziato nel primo tempo, rischiava di vanificare tutto lasciando anche i compagni in dieci, ma Szczesny ipnotizzava il rigorista Lorenzo Pellegrini ripetendo la prodezza già compiuta all'andata e Chiellini, gettato in emergenza nella mischia, cementava il muro juventino nel finale sino al triplice fischio liberatorio.

 

Archiviata l'impresa di Roma, i bianconeri dovranno contendere mercoledì la Supercoppa all'Inter con le pesanti assenze dell'infortunato Chiesa e degli squalificati Cuadrado e De Ligt, per poi cercare di allungare la striscia positiva di risultati in campionato nell'impegno casalingo di sabato sera contro l'Udinese.

 

Toro da stropicciarsi gli occhi. Compatti e tremendisti in tutto e per tutto, i granata affrontavano col piglio giusto il delicato posticipo "forzato" del lunedì pomeriggio contro la temuta Fiorentina dello spauracchio Vlahovic.

 

Mister Juric faceva esordire giocoforza tra i pali il giovane saviglianese classe 2000 Luca Gemello, che lo ripagava mostrando calma da veterano ed offrendo una prestazione all'insegna della sicurezza. Imperioso Bremer, che annullava il centravanti serbo ben supportato dai compagni di reparto Djidji e Rodriguez, mentre Singo e Vojvoda aravano le corsie esterne confezionando la rete del vantaggio con un cambio di gioco da un lato all'atro del campo.

 

In mediana Lukic e Mandragora dettavano i ritmi togliendo il respiro ai dirimpettai viola, mentre sulla trequarti Brekalo, migliore in campo, viveva la sua serata di grazia coadiuvato dalla "spalla" Praet a sostegno di Sanabria.

 

Avvio dai ritmi non elevati, con le due squadre che cercavano di stare entrambe alte per rubare palla e ripartire in verticale. Sbloccato il risultato, i torinisti dilagavano e chiudevano la pratica già entro la prima mezz'ora. Mattatore Brekalo, che dapprima sfruttava la caparbietà dell'uomo-assist Lukic, quindi ringraziava per il gentile regalo offerto da Callejon e insaccava.

 

I granata, dando prova di maturità, non abbassavano la guardia nella ripresa nonostante il triplice vantaggio. Concentrati e compatti contenevano l'iniziale quanto sterile reazione d'orgoglio della squadra di Italiano, poi colpivano ancora con l'imbeccata di Mandragora per Sanabria che, favorito dal maldestro tentativo di intervento di Igor, saltava anche Terracciano e depositava in rete la palla del sontuoso poker.

 

Il finale di gara era di pura accademia, con i granata che viaggiavano sulle ali dell'entusiasmo e, liberi mentalmente, mettevano in scena un repertorio fatto di intensità e precise quanto spettacolari geometrie, che oltre agli applausi strappavano finalmente anche un rotondo successo. La banda di Juric sarà ora chiamata a ripetersi sabato pomeriggio nella sempre ostica trasferta in casa della Sampdoria.

Fotografia: fonte Eurosport. 

 

 

 

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Luca Ceste il 10/01/2022
 

Altri articoli dalla provincia...



Juve e Toro chiudono il campionato con due meste sconfitte

Il campionato delle due rappresentanti del calcio sotto la Mole va in archivio con un paio di pesanti (per quanto ininfluenti) sconfitte, ultimo indice, se ancora ci fosse stato bisogno di conferme, di una stagione mediocre caratterizzata da troppe ombre e qualche sporadico bagliore, soprattutto da parte granata. Anche nella recita conclusiva davanti al proprio pubblico, la squ...leggi
23/05/2022

Il Toro sbanca Verona, la Juve celebra gli addii di Chiellini e Dybala

Mister Juric conduce il Toro a fare il colpaccio dell'ex nell'amata Verona. La Juve, ormai svuotata e svagata, dapprima perde in maniera rocambolesca la finale di Coppa Italia al termine di una partita che ha rappresentato la sintesi di tutte le carenze e gli errori stagionali, quindi rovina la festa d'addio di Chiellini e Dybala facendosi rimo...leggi
17/05/2022

Serie A: turno di campionato da dimenticare per Juventus e Torino

Una Vecchia Signora grottesca si trasforma in Dama di Carità, sciupa oltre l'immaginabile e dona tutto in beneficenza rimettendo in gioco un Grifone ormai retrocesso ed attirandosi gli strali di tutte le altre altre squadre impegnate nella lotta per la salvezza. Il Toro come di consueto tiene orgogliosamente testa all'avversario di turno di maggiore caratura, riesce a stare a ga...leggi
09/05/2022

Serie A: sorridono ancora in coppia Juventus e Torino

Bonucci soffia due volte sulle candeline del compleanno e toglie le castagne dal fuoco contro il fanalino di coda Venezia ad una Juventus sempre balbettante, che tuttavia, grazie al pareggio interno della Roma contro il Bologna, centra con tre giornate d'anticipo l'obiettivo minimo della qualificazione alla prossima Champions League e potrà ora dedicarsi alla finale di Coppa Ita...leggi
02/05/2022

Serie A: vittorie in coppia per Juventus e Torino

    Lo stesso risultato, scaturito al termine di due prestazioni diametralmente opposte, consente a Torino e Juventus di mettersi in tasca tre punti di platino per la classifica e di guardare con maggiore serenità al finale di stagione. Il turno di campionato ha regalato una vera e propria Festa de...leggi
26/04/2022

Pareggi in serie per Juve e Toro nel turno pasquale di serie A

  Uovo di Pasqua con sorpresa (amara) per Juventus e Torino, che gettano al vento in coppia l'ennesima occasione per rendere meno anonima la loro stagione, al termine di due partite dall'andamento analogo ma con esito opposto, che lasciano in tasca un solo punto e tanti rammarichi. ...leggi
19/04/2022

La Juve sbanca Cagliari, il Toro ferma la capolista Milan

La Juventus digerisce la pesante sconfitta incassata con l'Inter, rialza la testa e, pur soffrendo, si impone in rimonta a Cagliari blindando almeno il quarto posto. Il Torino fornisce un'altra prova a tutto cuore e inchioda sul risultato ad occhiali il Diavolo rossonero, facendo corre...leggi
12/04/2022

Il Toro ritrova il successo a Salerno, la Juve ko nel derby d'Italia

Il VAR sui rigori fa sorridere il Toro, che ritrova la gioia del successo dopo una lunga quaresima durata quasi tre mesi, mentre provoca un travaso di bile alla Juve, costretta a cedere il derby d'Italia agli acerrimi rivali nerazzurri, tornati ad espugnare il fortino dello Stadium dopo quasi dieci anni. I fischietti orientati dalle revisioni televisive hanno caratterizzato una giornat...leggi
05/04/2022

La Juve vince con la Salernitana, il Toro fa il passo del gambero

Un Torino sazio e colpevolmente presuntuoso dopo l'ottima e sfortunata prova contro l'Inter fa il passo del gambero e affonda a Genova. La Juventus dapprima incappa nella terza, clamorosa, eliminazione consecutiva negli ottavi di finale di Champions League, poi sorbisce un brodino ricostituente in campionato contro la quasi spacciata Sal...leggi
21/03/2022

La Juve vince a Genova, per il Toro pari con beffa contro l'Inter

Una Juventus concreta e in confortante progresso passa anche in casa della Sampdoria, inanella il quindicesimo risultato utile consecutivo e prosegue la sua risalita verso le posizioni che contano, preparandosi al meglio per il ritorno degli ottavi di finale di Champions League contro il Villareal. Il Torino schiuma di rabbia per i torti arbitrali subiti e la propria mancanza di cinism...leggi
15/03/2022

Il Toro pareggia a Bologna, la Juve archivia la pratica Spezia

  Il Torino cerca i tre punti con maggiore convinzione rispetto agli avversari, ma manca di concretezza offensiva e a Bologna deve accontentarsi di un pareggio che porta un contributo minimo ad una classifica sempre più anonima. La solita Juventus sparagnina centra, come avvenuto quattro giorni prima in Coppa Italia, il massimo risultato con ...leggi
07/03/2022

La Juve trova tre punti pesanti ad Empoli, il Toro ko con il Cagliari

Una Juventus ormai votata al gioco di rimessa si accende a sprazzi, soffre, si complica la vita da sola, ma aggrappandosi alla vena realizzativa di Vlahovic (nella foto di Eurosport) ritrova la vittoria nella non semplice trasferta di Empoli e, complici i mezzi passi falsi delle milanesi, accorcia il divario dal trio di vertice continuando la sua corsa in zona Cha...leggi
28/02/2022

Belotti risponde a De Ligt: il derby della Mole finisce in parità

Archiviato il capitombolo interno con Venezia, il Toro ritrova in fretta la sua anima, interpreta il derby con lo spirito "tremendista" dei tempi migliori e impone il pareggio ai bianconeri (il terzo da quando è stato inaugurato l'Allianz Stadium) al termine di una gara in cui avrebbe anche meritato l'intera posta in palio per quanto espresso in campo. La Juve l'anima sembra ave...leggi
20/02/2022

Più dolori che gioie per Toro e Juve nel 25° turno di serie A

  Toro e Juve partono forte, accusano un fatale calo di tensione quando sembravano avere la partita in pugno, vanno sotto e in un finale rocambolesco su entrambi i campi solo i bianconeri riescono a rientrare in carreggiata. Zoppicano le due rappresentati del pallone sotto la Mole, che con ogni probabilità devono definitivamente ridimensionare i propri obiettivi in campionat...leggi
14/02/2022

Crollo del Toro nel recupero, la Juve si rilancia in zona Champions

  Il Toro combina la frittata in pieno recupero e manda in fumo un punto che aveva saldamente in mano. La Juve inserisce due succulente varianti di mercato in un menù altrimenti ancora piuttosto insipido e aggancia la zona Champions League. La ripresa del campionato dopo la sosta per lo stage della Nazionale ha ancora una volta riservato gioie e dolori alle due rappresentant...leggi
08/02/2022


Vai all'edizione provinciale
Tempo esecuzione pagina: 0,03178 secondi